God of War sarà l’avventura più ampia della serie

god of war



Cresce l’attesa per il lancio di God of War e la casa di produzione di Santa Monica ha rilasciato alcune informazioni che riguardano il design e l’ambientazione dell’action game. Già sappiamo che questa avventura sarà la più ampia di tutta la serie. Le aspettative sono molte e sicuramente l’azienda produttrice non ha intenzione di deluderle.

Le caratteristiche dell’ambientazione

Inizialmente si era pensato di optare per un design minimalista, che fosse in grado di riprodurre gli elementi della realtà in tono molto incisivo. Poi si è deciso per un altro tipo di design, richiamando alcuni precedenti capitoli della saga, ma incentrando l’esperienza di gioco su nuove specifiche.



Nei dettagli è stato spiegato che i giocatori avranno la possibilità di muoversi tra nove regni differenti, che sono tutti collegati tra di loro. Ciascun regno avrà delle peculiarità e niente è stato lasciato al caso da questo punto di vista.

La squadra di lavoro per trovare ispirazione a luoghi realistici ha visitato diversi territori dell’Islanda e della Scozia. Il team di lavoro è riuscito a contrastare le difficoltà che si sono avute anche per quanto riguarda il tipo di inquadrature da utilizzare. Ecco perché i giocatori possono attendersi delle novità importanti nella nuova versione della saga.

La trama di God of War

Dopo li terzo capitolo, Kratos è riuscito a terminare la propria battaglia contro gli dei dell’Olimpo. Adesso si aggira in un territorio di ambientazione nordica, portando con sé il figlio, Atreus. Kratos è un uomo differente rispetto al passato, perché le esperienze gli hanno insegnato di ricorrere alla sua forza in battaglia soltanto nei momenti estremamente necessari.



Si aprono così nuove battaglie all’insegna di una tecnica meno sfrenata e che lasciano spazio ad una strategia molto particolare. A disposizione tante opzioni per interagire con gli avversari. Il tutto lascia spazio ad un’esperienza molto più coinvolgente, nella quale viene enfatizzato l’impatto visivo con l’ambientazione.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Positive SSL